Intersezioni

[ Blog ]

Una modesta proposta

Questo è lo scenario: siete appassionati di natura, pensate che sia un imperativo categorico salvare il rinoceronte, pensate che la conferenza dell’IUCN di settembre sia stato l’evento dell’anno, e avete visto il documentario di Di Caprio il giorno che è uscito. Quello che vi voglio dire è che, date queste premesse (avete a cuore l’ambiente e siete più o meno acculturati) è probabile che leggiate ancora libri di carta e ne leggiate più di uno all’anno.
[ Blog ]

Migrare per vivere

Mentre scrivo mi trovo nell’aeroporto di Treviso, in attesa del volo per Cagliari. È una tratta che faccio una volta al mese circa, per motivi di lavoro. Mentre cerco ispirazione per questo articolo, il mio “vicino di attesa” sta leggendo un articolo che s’intitola “Eccezionale ondata migratoria nel mediterraneo: 4000 sbarchi in Sicilia”. L’articolo è uno dei 1000 a cui ci siamo assuefatti in questi ultimi tempi. Ma la mia parte razionale mi suggerisce di provare a proporvi un approfondimento sul fenomeno della migrazione … biologica, naturalmente.
[ Blog ]

Attenti allo pterodattilo!

E siamo giunti all’ultima puntata della serie estiva sulle prese di posizione. Parliamo di evoluzione. Faccio una confessione: l’ho lasciata alla fine perché ho aspettato che mi venisse qualche guizzo, un’idea interessante, qualcosa da poter dire. Ma ecco, ora siamo al dunque e non so cosa scrivere, perché quando veniamo a parlare di evoluzionismo mi pare ovviamente ridicolo dover argomentare a sostegno. Temo che non riuscirò ad affrontare quest’ultima mia fatica in maniera seria come ho fatto per le precedenti.
[ Blog ]

3 milioni di anni invano

Ho messo insieme un paio di pensieri provenienti da diverse regioni geografiche della mia testa, oggi (è sempre così che nascono le idee interessanti, dall'ibridazione). Sto studiando molto di evoluzionismo, in questo periodo, e in particolare di evoluzione umana e raccolgo da lì molti spunti (esemplare 1 da ibridare). E ogni tanto trovo addirittura dieci minuti per leggere qualche articolo di una rivista (esemplare 2 da ibridare).
[ Blog ]

... poi ci inventeremo qualcosa

“Un narratore di storie, creatore di miti e distruttore del mondo naturale, il cui pensiero è un coacervo di ragione, emozione e religione. Un fortunato evento casuale nell’evoluzione dei primati durante il tardo Pleistocene. Magnifico quanto a immaginazione e istinto di esplorazione e tuttavia bramoso di essere il padrone di un pianeta in declino. Ossequioso verso esseri superiori e sprezzante nei confronti di forme di vita inferiori” (1)
[ Blog ]

Niente di sacro

“Si è detto che la scienza disumanizza l’uomo e lo trasforma in un numero. È falso … tragicamente falso. Guardate voi stessi. Questo è un campo di concentramento, questo è il forno crematorio di Auschwitz. È qui, che gli esseri umani sono stati trasformati in numeri. E non è stato causato dai gas. È stato causato dall’arroganza, dai dogmi, dall’ignoranza […] Questo è quello che fanno gli uomini quando vogliono avere tutta la conoscenza degli dei” (Jacob Bronowski, The Ascent of Man, 1973)
[ Blog ]

Avanti, tutti giù dalla scogliera!

In natura, ogni gruppo di individui, quando si tratta di specie sociali (uomo, formiche, …) e ogni singolo individuo se si tratta di specie solitarie (coleotteri, orsi, …) tende a massimizzare la presenza della propria specie: tanti figli, più figli possibile, per dominare quel pezzo di prato, quella montagna, quell’isola, quell’ecosistema, quel pianeta. Ecco, abbiamo “gli stessi obiettivi del mio cane” (1).
[ Blog ]

Un'età del ferro di cecità

“Ormai tutti ne hanno sentito parlare [dei cambiamenti climatici] e molti ritengono, anche solo per questo, di avere le idee chiare in merito. In realtà si tratta di un tema vasto, complesso, fonte di confusione e malintesi. Non ci troviamo infatti di fronte a un singolo problema, ma a una serie di sfide cogenti e interconnesse, determinate da cause diverse (fisiche, biologiche e sociali), con pesanti conseguenze sul piano umano e ambientale”.
[ Blog ]

La Terra gira intorno al Sole

Poco tempo addietro abbiamo avuto una discussione, all’interno della redazione, su quanto sia utile e sia giusto “schierarsi”. Quello che noi facciamo di mestiere è portare a un pubblico non specializzato alcune situazioni che la natura ci presenta ma anche questioni scottanti sulle quali la scienza oggi ci chiede di prendere tutti una posizione. Ora, questo non significa in nessun caso che dobbiamo dire al pubblico che cosa deve pensare su un determinato fenomeno o cosa scegliere di fronte a questo o quell’argomento complesso, ma “informare dei fatti”, per poter scegliere e prendere posizione in maniera più consapevole.
[ Blog ]

Sei stupido ma non lo sai

David Dunning è professore di psicologia sociale alla Cornell University. Nel 1996 si imbatte nello strano caso di McArthur Wheeler, che a Pittsburgh aveva rapinato alcune banche in pieno giorno, a viso scoperto. Il motivo di questo suo poco prudente comportamento risiedeva nel fatto che Wheeler era certo che cospargersi il volto di succo di limone lo avrebbe reso invisibile alle telecamere di sorveglianza. Leggendo questa storia, Dunning venne fulminato da un’illuminazione: se Wheeler era troppo stupido per rapinare una banca, forse era anche troppo stupido per rendersi conto che era troppo stupido per rapinare una banca.